en1it1


091 332126

328 0470807

guccimd@gmail.com

rss_icon_0 Iscriviti agli RSS


 

Seguimi

Disfonia. Disodia. Afonia. Chiariamoci le idee.

Disfonia. Disodia. Afonia. Chiariamoci le idee.

Disfonia. Disodia. Afonia. Quando la voce si ammala, può accadere che si modifichi soltanto quella parlata o quella cantata/recitata oppure che a essere penalizzate siano entrambe più o meno contestualmente. Raramente, però, la voce viene a mancare del tutto. Chiariamoci le idee, come sempre al volo, sulla terminologia che potrebbe essere usata dal maestro di canto/recitazione e/o dal medico della voce (sia esso otorino oppure audiofoniatra) o ancora dal logopedista e dal fisioterapista/osteopata.

Se nella nostra buona salute qualcosa si altera, l’EUFONIA o la EUMELIA cioè la “bella e buona” (nel senso degli antichi Greci) voce, rispettivamente parlata e recitata/cantata, lasciano sostanzialmente spazio ai loro corrispettivi: la DISFONIA e la DISODIA1. Non frequentemente potrebbe verificarsi addirittura l’AFONIA cioè la perdita totale (a-) della voce (foné). Va ricordato che si tratta di sintomi e non di nosotipi; per tal ragione bisogna sempre andare alla ricerca delle cause che hanno portato al venir meno o all’alterarsi della voce e che possono essere davvero difficili da comprendere, considerando che l’etiogenesi può essere legata a patologie benigne o maligne, organiche (congenite, acquisite o infettive) o non organiche [psicologiche, disfunzionali (anche da malmenage e/o surmenage)], a carico delle corde vocali vere, delle false, dei seni piriformi o del vocal tract o di tutti gli apparati insieme.

In genere, quasi mai una patologia è del tutto organica o non-organica visto che la sfera emotiva è sempre coinvolta, prima o poi, anche a corollario delle malattie organiche quando invece le non-organiche non sono primarie/primitive, appunto, da subito.

Affinché il problema sia inquadrato presto e correttamente e risolto tempestivamente, affidarsi a un clinico realmente competente in voice medicine fa la differenza.


Disodia significa, quindi, ‘alterazione della voce cantata’; disfonia, ‘alterazione della voce parlata’. Eufonia sta per ‘voce parlata bella e sana’; eumelia sta per ‘voce artistica bella e sana’.


Estratto da: A. G. Gucciardo, Curare l’Arte, il Corpo e la Voce, Qanat, Palermo 2017, 21 (modificato)

Immagine da: www.dolins.top

2018-02-13T18:34:47+00:00

About the Author:

Medico della Voce artistica e delle Arti dello Spettacolo